IL DOTTOR DI BIASE COMMENTA IL CONNUBIO BIENNALE TRA LA CANTINA FRENTANA ED IL LANCIANO