ODDI: «FATTI GRANDI PASSI IN AVANTI, MERITAVAMO DI PIU'»

Il tecnico frentano, seppur amareggiato al termine dell'andata del primo turno di coppa, guarda il bicchiere mezzo pieno

Seconda sconfitta in pochi giorni per il Lanciano, ma umori decisamente diversi rispetto al debutto in campionato di domenica scorsa al Biondi contro il Casalbordino. Poco da salvare infatti nella prima di Eccellenza, con una sconfitta che, per quanto farcita di attenuanti, ha fatto riflettere tutto l'ambiente frentano.

Il Lanciano è ancora un cantiere apertissimo, con una stagione iniziata, di fatto, meno di 10 giorni fa, in abissale ritardo rispetto alle altre 19 compagini della categoria e con una rosa ricomposta praticamente da capo. 

Lavoro encomiabile quello della dirigenza, del DS Salfa, di mister Oddi e dello staff tecnico per allestire e mandare in campo la squadra in tempi record; la corsa contro il tempo però continua, anzi, per essere precisi è appena cominiciata, e nel match di ieri pomeriggio sul neutro di Scerni contro la Bacigalupo Vasto Marina, si sono iniziati a vedere i primi risultati. 

«Sono soddisfatto della prestazione e molto amareggiato per il risultato - commenta mister Giancarlo Oddi al termine del match - la squadra vista ieri in campo, come atteggiamento, concentrazione e tenuta della gara, sembrava totalmente diversa da quella di domenica; questo dimostra che siamo in crescita come collettivo, e non è poco. Siamo stati bravi a non concedere situazioni come quelle contro il Casalbordino, ma allo stesso tempo siamo stati ingenui a non sfruttare le occasioni avute, come quella del rigore fallito ed un altro paio di palle goal non sfruttate a dovere». 

Il tecnico laziale, che terminato il match è tornato immediatamente a lavoro per preparare il match di domenica a Capistrello e le gare future, si è detto soddisfatto della prova dei suoi, malgrado la sconfitta. Un Lanciano ancora sperimentale tuttavia, schierato ieri con un pungente 4-4-2 che ha visto tra le novità il ritorno tra i pali di Rossetti, il debutto dell'ultimo arrivato Petrini e di Ruscitti dal 1' sulla retroguardia, così come Di Pinto e Di Rocco più avanti. Proprio la partita disputata da Petrini lascia ben sperare per il futuro: il classe '94, la cui firma è giunta a meno di 24 ore dal match, non ha affatto sfigurato al debutto, e rappresenta sicuramente un asset importante per un reparto, quello difensivo, che domenica scorsa era in totale emergenza; emergenza che si è ripercossa inesorabilmente sulla prestazione e sul risultato finale.

«Petrini ha fatto una buona partita così come tutta la retroguardia - prosegue il coach - stanno venendo fuori delle buone individualità su tutti i reparti e sono certo che, con il lavoro quotidiano che stiamo mettendo in campo tutti, ci toglieremo delle belle soddisfazioni»

Ulteriori novità sul mercato sono comunque attese nelle prossime ore: sono in atto diverse valutazioni che porteranno nei prossimi giorni al completamento della rosa. 

#ForzaLanciano